waiting list and good intentions

Like every day I take a note of the most important things happened to me to come back later and write a post, in the last two months I have been so busy that I haven’t had time to do it. Now I want to try and I find some time every day. Burningman, US West Coast, seven national parks I have visited and Mexico have been incredible experiences. I met dozens of people, some of them very special and soon I will write about. Meanwhile, I enjoy a few hours at Starbucks since Acapulco is hot and you can’t see the ocean because of the tall buildings.

Come ogni giorno annoto le cose più importanti che mi capitano per ritornarci in seguito e scrivere un articolo, in questi due ultimi mesi sono stato così preso che non ci sono ancora riuscito. Ora voglio provarci e cercherò di ritagliare del tempo per farlo. Il Burningman, la costa Ovest degli stati uniti, i 7 parchi nazionali che ho visitato e il Messico sono state delle esperienze incredibili. Ho conosciuto decine di persone, alcune di esse molto speciali e presto ne scriverò. Intanto mi godo qualche ora da Starbuks che Acapulco è bollente e non si vede l’oceano a causa di tutti i palazzi.

Commenti

13 August – wandering around SF

My Hostel is painful but at least is warm and I can sleep deeply. The morning I plan next days trip. At noon I meet Corina and Marlene, they want to do some shopping at Abercrombie but hopefully we move soon. We have lunch at Chinatown then we go to Golden Gate Park to visit the botanic garden and have a nap. At Balmy Alley we visit the famous murales road and we wander around thrift shops.
We have some beers at at Mission Dolores Park and the we go back to the hotel.
With Marlene we go to get the car from the carpark. Our trip is started.
We don’t have a place to sleep so we decide to go to Rodeo Lagoon and try to camp there. We arrive at 8pm and since we are not asleep we decide to go back to the city and drink something. We go back to Dolores Park, we park the car and enter in the first bar we see.
It’s a small club with good beers and music. We met two guys and a girl, they started a master in SF and we decide to spend the night together drinking and dancing.
I felt asleep so I ask Marlene if we can leave, she agree e we go out. Going out we notice a new door and we decide to follow that door. It drive us to the basement with a piano and some tables. We sit to talk with a group of people when Natalia reach us. Marlene  plays the piano and Natalia rolls out a joint.
We spend in the basement almost twenty minutes when I ask Natalia were are her friends. She doesn’t know so we go and look for them.
They are not in the club, Natalia tries to call them outside and we follow her because is completely drunk. They come back and they are angry, they believed we left without saying hello. I take this opportunity to say goodbye, Natalia asks for my contact but I answer that tomorrow I’m leaving SF and if it’s destiny we will meet again.
Marlene and I cross the Golden Gate for the third time and also now is completely hidden by the fog, we park the car in front of  Marin Headlands Visitors Center and we fall asleep.

L’ostello è penoso ma almeno è caldo e riesco a dormire profondamente, la mattina la dedico ad organizzare i prossimi spostamenti. Alle 12 mi incontro con Corina e Marlene che vogliono fare shopping da Abercrombie ma per fortuna dopo poco ci spostiamo, pranziamo a Chinatown, poi ci spostiamo al Golden Gate Park per visitare il giardino botanico e schiacciare un pisolino e infine ci spostiamo verso Balmy Alley per ammirare i murales e gironzolare tra i vari negozi di cose usate.
Beviamo un paio di birre a Mission Dolores Park e torniamo in albergo.
Con Marlene andiamo a recuperare la macchina e inizia il nostro viaggio.
Non abbiamo un posto dove dormire pertanto ci dirigiamo a Rodeo Lagoon per provare ad accamparci li. Arriviamo che sono le 8 di sera e siccome non abbiamo sonno decidiamo di ritornare in città per bere qualcosa. Torniamo nella zona di Dolores Park perché ci era sembrata piuttosto vivace, parcheggiamo la macchina ed entriamo nel primo locale che incontriamo. Si tratta di un piccolo club con buona birra e musica. Incontriamo due ragazzi ed una ragazza che sono a San Francisco per un master e passiamo la serata assieme bevendo e ballando. Siamo abbastanza stanco e chiedo a Marlene se possiamo andare, lei annuisce e ci spostiamo verso l’ingresso. Uscendo notiamo una porta che non avevamo visto prima e proviamo a vedere dove ci porta. Scendiamo nello scantinato e si apre davanti a noi una stanza con un pianoforte e qualche tavolo. Ci sediamo a chiacchierare con dei ragazzi e Natalia ci raggiunge. Marlene si mette a suonare il pianoforte mentre Natalia tira fuori una canna.
Siamo nello scantinato da quasi venti minuti quando domando a Natalia dove siano i suoi amici, lei non lo sa e andiamo a cercarli. Tornati nel locale non li troviamo, Natalia esce in strada per chiamarli e noi la seguiamo perché oramai e ubriaca.
Dopo pochi minuti tornano e sono piuttosto arrabbiati, credevano ce ne fossimo andati senza salutare. Ne approfitto per congedarmi, Natalia chiede di scambiare i contatti ma le rispondo che domani partiremo e se è destino ci rincontreremo.
Con Marlene attraversiamo per la terza volta il Golden Gate e anche questa volta è completamente avvolto nella nebbia, parcheggiamo la macchina di fronte al Marin Headlands Visitors Center e ci addormentiamo.

Commenti

12 August – farewell LA – going to SF

Today I’m leaving Los Angeles and I’m directed to San Francisco to meet Corina, Marlene and a German guy. I’m a little scared for the long journey I have never traveled for 700km across US but fortunately Tom Tom gave me for free Tom Tom Go and I have downloaded US cartography. Street rules are different, you can overtake a car on the right, at the stop you don’t have to check on your right, traffic lights are on the other side of the crossroads and at a traffic light most of the times you can turn right with red.

I reach San Francisco crossing Oakland Bay Bridge and a I see the famous fog coming and erase everything around me.

I go directly to the hostel and soon I discover that I can’t leave the car on the street but I have to pay 39$ a day just to park.

The hostel is very thirty, in my room you can’t close the door and there are no lights, if you need a towel you have to pay 3$ and they give you a rag so I prefer to save 3$. You may think that the hostel is very cheap but it’s the opposite I payed over 50$ for one night.

I have a shower rest for a while and meet the guys at The Cheesecake Factory, It’s not possible to eat there because we have to wait at least one hour so we decide to go to Corina and Marlene Hotel.

Oggi lascio Los Angeles e mi dirigo verso San Francisco per incontrare Corina, Marlene ed un ragazzo tedesco. Sono spaventato dal viaggio, non ho mai percorso oltre 700 km attraverso gli USA ma per fortuna Tom Tom mi ha regalato l’applicazione Tom Tom Go e ho potuto scaricare la cartografia completa. Le regole della strada qui sono diverse, puoi sorpassare da destra, agli stop non devi dare la precedenza a destra, agli incroci i semafori sono al di la dell’attraversamento e nella maggiorate dei casi puoi girare a destra con il rosso.

Raggiungo San Francisco attraversando il ponte Oakland Bay e vedo la famosa nebbia do San Francisco arrivare e cancellare qualsiasi cosa intorno a me.

Vado direttamente all’ostello e scopro che non posso lasciare la macchina in strada e devo spendere 39$ al giorno di parcheggio.

L’ostello è sporco, nella mia stanza non si chiude la porta e non ci sono luci se non in bagno, se hai bisogno di un asciugamano devi pagare 3$ e ti danno una pezza sporca pertanto preferisco risparmiare 3$ ed usare il mio asciugamano. Si potrebbe pensare che l’ostello sia molto economico ma è proprio l’opposto, ho speso oltre 50$ per una notte.

Faccio una doccia, mi riposo un attimo e raggiungo i ragazzi da The Cheesecake Factory. Non è possibile mangiare lì perché la lista di attesa è di almeno un ora  e così decidiamo di andare in Albergo da Corina e Marlene.

Commenti

11 August – Getty Museum and Santa Monica Pier

Today I want to visit on Getty Museum. Getty Museum has been built by Richard Meier who was commissioned by Jean Paul Getty. Getty was an american industrialist and founded the Getty Oil Company.

I go there with two germans guys I met in the hostel, like me they are going around the US for the summer before starting the University.

The museum is for free but you have to pay 15$ for the carpark. I spent an entire day there and I did a guided tour of the several buildings it’s made of.

In the late afternoon we went to Santa Monica to see the famous pier and we discovered there was a free concert on the beach so we decided to assist.

We soon discovered that was not possible to buy any alcohol on the beach and also at one of the many bars around so we decided to go away and have a beer before going back to the hostel.

Commenti

10 August – Wallmart Big 5 and Korean bell of peace

Los Angeles is a very big city and if you want to move around a car is the only alternative, they have a wide public transportation service but it requires you a lot time and you have to change several buses/metros. To go to the car rental I have taken one bus, 2 metro lines and an airport shuttle and it took me at least one hour and an half.

When I arrive to the car rental office I can’t believe there’re approximately one hundred people in line before me. I took me 2 hours to get my new car.

Now I’m a true american, I have a big car and the first thing I do is taking a motorway and going to Wallmart. I have to buy some food and some stuff for the Burningman. As usual I don’t carry my kart around the aisles but I leave it in one spot and then move around looking for what I need. I have discovered that this is not possible in the US. If you do it then your kart and all is content is lost and you have to find a new one and start again. This shop has poor options for camping stuff, one of the shop assistant suggests me to shop online and ask for an in shop delivery in 24 hours or to go to Big 5 a sport equipment shop.

At big 5 I find most of the thinks I need and I buy a tent, a cooking kit and four five gallons  flexible water tanks.

I arrive at the hostel at dusk and It’s incredible, the HI Los Angeles South Bay Hostel is made of 4 old military barracks on a hill in front of the ocean. A park guards a temple with a bell, they call it Korean bell of peace, since it was a Korean gift to the US to celebrate the bicentennial of the U.S. independence, honor veterans of the Korean War, and to consolidate traditional friendship between the two countries.

Commenti

9 August – new hair cut, lunch with Giulia and her friends, walk of fame

Pete has to go out at 10 am and he offers me a lift to Beverly Hills. I accept and we go to his car, he asks for my plans and I tell him that I have to go to Echo Park for lunch. Echo park is at least 1:30 by bus from Beverly Hills so he suggests to go directly there. I have breakfast at Bread Lounge where you can taste very good Pain au chocolat and a cappuccino for just 5$ and then I walk back to downtown.

I need to cut my hairs and beard after 3 weeks far from home and I start to look for a barber shop. I found a very small one, it’s called St Vincent Barber Shop and with my new haircut I go by bus to Echo park.

I have an appointment with Giulia and her friends. We meet at Sage Vegan Bestrot a vegetarian restaurant and finally after three weeks I eat something healthy and genuine.

Giulia is Miriam sister’s and Miriam is an ex colleague of mine. Giulia is a photographer and she is spending a couple of months in Los Angeles to help her friends to open a clothing shop.

After lunch I have a walk with Giulia around Echo park and we speak about our experience in the US. I say goodbye to Giulia and I go to a coffee. I try to find a place to stay for one more night since tomorrow I have to leave Pete’s home and I haven’t seen Los Angeles at all. I decide to rent a car and since now I have a car I book a HI Los Angeles South Bay Hostel that is not impossible to reach without because is on top of a hill and there’s no public transportation there.

Before going home I go to the walk of fame to see the famous stars on the sidewalk. I see Kevin Spacey’s one next to Donald Trump’s and I hope it’s only political fiction. For those who don’t understand Kevin Spacey is president Frank Underwood in House of Cards and Donald Trump is the Republican candidate for the next elections. Both are negative characters but unfortunately one could be the real next US president.

I had a burrito with cabeza for dinner and a couple of beers at Tony’s Saloon.

Commenti

8 August – my spanish bus

I wake up very early since in the room there are no curtains, I prepare my own pancakes with peanut butter and maple syrup and some sandwich for the travel. I take a shower, pack my stuff and do checkout.

My bus to Los Angeles is at 12:30 pm but I need at least one hour and an half to reach the station. Since the bus 208 is not coming I decide to walk to Downtown where I have to change for bus 105 but with the backpack I’m to slow and I miss the bus. Hopefully there’s another in 5 minutes.

On the 105 I meet a black fat woman almost fifty and we start to talk. She is officially mad and for this she gets some money from the state and she doesn’t work, she is in Vegas because she gable a lot and one hotel casino offered the room for free. She asks me where I’m from and I tell her about my travel across US and America by backpack. She bless me and says she will do the same one day.

When I reach the station there are only a few people and I wait for the bus is an old and decadent cafeteria. Everything is written ins spanish and also the employees speak mainly spanish.

The bus driver is spanish, most of the people on the bus speak spanish, also the movies they show are in spanish. I take of my kindle and start to read Pablo Neruda biography in Spanish (Confieso que he vivido).

I arrive at Los Angeles at 6:30 pm and I decide to walk to my host’s house. Downtown streets are settled by homeless people, I have seen hundreds of them, withes, blacks, olds, young, mad and drunkard. They lives in tends directly on the streets and use karts to carry their things. I meet a young volunteer that gives phones, phones numbers and data plans for free. It’s a US campaign to offer and opportunity to homeless, phones are important today and can be useful for many services including health and job opportunities.

I reach the art district where Pete, my host, lives, but it’ early and he is teaching a yoga class. I wait for him in a very trendy restaurant, the waiting list for a table or to sits at the bar is at least one hour. I ask if it’s possible to have a beer and stay in the front garden and they agree.

At 9 pm Pete is at home and we meet. He lives in an old factory now transformed in artist’s studios and private flats. His flat is a big room of approximately 80 square meters, it’s only a big room but he put some panels to create his bedroom and a big wardrobe rack for his roommate. Unfortunately he is sick so he goes to sleep. I go outside to find something to eat. Pete recommends to try some tacos from a truck not far from his place. Since Pete is american and lives in Los Angeles not far means 10 minutes by car. I don’t have a car so it takes me 30 minutes to reach that place but at least tacos where very good and I saw the famous Sixth Street Viaduct where several movies where taken, for example Grease and Terminator.

Before going back I stop to a bar for one more beer and I discover that there is a gentlemen’s club just behind Pete Home. I’m tired and a strip club a week is enough at least for me so I decide to go back home.

I sleep on the sofa and it’s quite comfortable.

Commenti

7 Agosoto – Gambling at Caesar and gentleman club

È domenica e ho voglia di riposare e sbrigare alcune faccende amministrative, chiudo anche un accordo per affittare la casa di Milano fino al 31 Dicembre. Non ho più scuse ora devo continuare a viaggiare almeno fino a quella data. Ho affittato casa ad una coppia turca che sta frequentando un master in architettura al Politecnico di Milano. Passo il resto della giornata in piscina a prendere il sole, dormire e chiacchierare con Marlene e Corina.

Questa sera ho appuntamento con Martina alle 23:30 davanti a 800 Degrees Pizzeria, per ingannare l’attesa provo ad andare al FreeZone ma è completamente vuoto e ripiego sul Double Down Saloon un piccolo bar dove si stanno esibendo a rotazione un prestigiatore, una spogliarellista, una contorsionista e una ragazza che usa l’hula-hoop.

Ricevo un messaggio da Marlene che mi propone di raggiungerla al Caesar Hotel Casino perché Corina vuole giocare. Se mi muovessi con i mezzi pubblici impiegherei almeno 30 minuti e decido di usare Lyft. Il mio autista è un ex informatico che ha perso tutto a causa di una malattia, non ho capito cosa, che lo affligge. Mi parla di C e C++ e mi chiede quali linguaggi conosco e uso. È stato piacevole parlare con lui, gli ho dato 5 stelle e un ottima recensione.

Ci sediamo ad una slot machine enorme e Corina gioca 15$, pigia per tre volte pulsanti a caso e vinti 20$ ritira il premio. Ci spostiamo al bar per investire la vincita ma siccome uno dei ragazzi ha meno di 21 anni ci chiedono di andare via. Ci spostiamo ad un bar all’aperto e li riusciamo a bere, ci raggiunge Sam.

Intorno alle 23 mi congedo dal gruppo per raggiungere Martina, il luogo dell’appuntamento è ad un miglio di distanza e ci vado a piedi, arrivato ricevo un messaggio in cui si scusa ma è stanca e domani si deve alzare alle 4 ed è andata direttamente in albergo. Torno indietro dubitando di incontrare ancora i ragazzi ma invece sono ancora li. Prendo un secondo Moscow Mule ed entriamo al Casino. Ci sediamo al tavolo della roulette cambiamo i soldi e iniziamo a giocare. Rimaniamo seduti una buona mezzora e alla fine perdiamo tutti i soldi ma è stato divertente e considerando che ti portano da bere a gratis forse è più conveniente che andare al bar dove 2 cocktail mi sono costati 40$.

Usciamo dal Casino in cerca di un Bar ma ci ferma un tizio che ci propone di andare ad locale di strip, accettiamo e una limousine ci viene a prendere.

La macchina era conciata male ma le luci al neon nascondevano il peggio. Nel club ci saranno state una ventina di ragazze che ballavano la pole o si esibivano in spettacoli direttamente in braccio alle persone e queste ricambiavano infilando banconote dove potevano. Ad un certo punto una ballerina si avvicina ad una ragazza di colore e si esibisce per lei, questa è tutta eccitata e il suo ragazzo comincia a far piovere banconote da un dollaro sulla ballerina. Un altra ballerina avvicina me e Marlene e si offre per uno spettacolo privato, chiedo il prezzo e mi risponde 300$, cortesemente declino l’offerta.

Finiti i nostri cocktail decidiamo di andare chiamo la limousine per Corina Marlene e Sam che questa sera dormono in un albergo mentre io prenoto nuovamente un lyft per tornare in ostello dato che la macchina dice di non poter andare a downtown.

Commenti

6 Agosto – Grand Canyon

Oggi sveglia alle 5:30 per andare a visitare il Grand Canyon ma vengo svegliato alle 5 da un ragazzo napoletano e da sua moglie brasiliana completamente ubriachi. Il ragazzo dorme sul letto superiore di un letto a castello e non c’è scaletta, io uso la struttura del letto per salire lui decide di saltare ma non ci riesce e casca in terra. Decido di alzarmi. Benjami mi aspetta in cucina e fa colazione, riesco a recuperare della frutta e arriva il nostro autista per il pick up. Recuperate una 20 di persone veniamo portati in un capannone dove un imbonitore stile Tom Cruise in magnolia cerca di venderci servizi extra. Da li passiamo in una stanza di smistamento dove si può fare colazione durante l’attesa. Mi rendo conto sempre più di quanto siano organizzati gli americani e quanta cura mettano in ogni aspetto del business qualunque esso sia.

Intorno le 7:30 partiamo e ne approfitto per recuperare sonno. La prima sosta è la diga Hoover.

La seconda sosta è a un Mc Donald giusto perché è metà mattina e gli americani devono mangiare.

Arrivati al parco ci fermiamo a pranzare e scoppia un temporale. Sono pessimista sulla possibilità di vedere il Grand Canyon ma la nostra guida/autista Lorena dice di essere fiduciosi. Aspettiamo in bus circa 20 minuti dopodiché ci porta al primo punto panoramico. La pioggia è battente e fa freddo ma percorro ugualmente un sentiero. Li incontro Martina, una ragazza di Bergamo che lavorava KPMG e proseguiamo assieme. La pioggia scema e il paesaggio è mozzafiato. Il Grand Canyon è immenso e profondo mi viene voglia di passarci qualche giorno, il secondo punto è ancora più bello anche perché il tempo migliora. Mi accorgo che è tardi e rischiamo di perdere il bus ma non ricordiamo dove si sia fermato e impieghiamo un po’ a trovarlo. Una volta trovato scherzo con Lorena e scopro che quasi tutti si sono persi, a quanto parte è normale.

Risaliamo sul bus e si parte ci aspettano 4 ore di viaggio. Arrivati in città non capiamo di dovere scendere all’ Excalibur Hotel and Casino per prendere il minibus e perdiamo la fermata. Ci toccherà prendere i mezzi pubblici per tornare in ostello. Arrivati Benjami va a letto io salgo in camera mi do una sistemata e vado verso Downtown per bere una birra. Finisco all’ Inspire News Cafe dove quasi tutte le ragazze ballano il twerking ovvero agitano il culo quasi sempre di fronte ad un ragazzo.

Commenti

5 Agosto – Gold & Silver Pawn Shop and Zumanity

Mi sveglio e vado nella lobby per fare colazione ma il preparato per i pancake è finito lo faccio presente alla reception e mi rispondono che non ne prepareranno altri. Non ho altro cibo pertanto mi preparo una tazza di caffè e mi metto a chiacchierare con un gruppo di ragazzi. Pare ci sia una festa in piscina ma preferisco fare altro. Conosco Benjami, un ragazzo di Barcellona che insegna ginnastica alle elementari e si trova negli USA per un corso di inglese. Ha una macchina e assieme decidiamo di andare a vedere Gold & Silver Pawn Shop, quello del programma TV. Il negozio è piccolo e ormai vende gadget del programma ma si riescono ancora a trovare cose bizzarre. I protagonisti dello show non sono presenti pertanto facciamo qualche foto e andiamo a cercare i biglietti per Zumanity. Riusciamo a trovarli davanti la MGM per 69$ per lo spettacolo delle 21:30. Ci fermiamo in un supermercato e poi pranziamo in ostello. Passo il pomeriggio in piscina con Susana, Tal e Marlene. Marlene mi propone di aggregarmi al tour Yosemite Park & Napa Valley e provo a prenotare ma è troppo tardi. Ci diamo appuntamento a New York New York per la sera dopo lo spettacolo e ci salutiamo.

Zumanity è uno spettacolo del Cirque Du Soleil per adulti a sfondo sessuale. È geniale, mi ha colpito particolarmente la performance delle contorsioniste asiatiche in una piscina sospesa e trasparente.

Non riusciamo ad incontrare gli altri pertanto facciamo un salto alla Stratosphere Tower e da li torniamo in ostello.

La guida di Benjami è a dir poco folle, in una giornata è riuscito a partire al semaforo in retromarcia, prendere un paio di rossi e percorrere 200 metri contromano in piena Las Vegas Bulevard.

Commenti