11 August – Getty Museum and Santa Monica Pier

Today I want to visit on Getty Museum. Getty Museum has been built by Richard Meier who was commissioned by Jean Paul Getty. Getty was an american industrialist and founded the Getty Oil Company.

I go there with two germans guys I met in the hostel, like me they are going around the US for the summer before starting the University.

The museum is for free but you have to pay 15$ for the carpark. I spent an entire day there and I did a guided tour of the several buildings it’s made of.

In the late afternoon we went to Santa Monica to see the famous pier and we discovered there was a free concert on the beach so we decided to assist.

We soon discovered that was not possible to buy any alcohol on the beach and also at one of the many bars around so we decided to go away and have a beer before going back to the hostel.

7 Agosoto – Gambling at Caesar and gentleman club

È domenica e ho voglia di riposare e sbrigare alcune faccende amministrative, chiudo anche un accordo per affittare la casa di Milano fino al 31 Dicembre. Non ho più scuse ora devo continuare a viaggiare almeno fino a quella data. Ho affittato casa ad una coppia turca che sta frequentando un master in architettura al Politecnico di Milano. Passo il resto della giornata in piscina a prendere il sole, dormire e chiacchierare con Marlene e Corina.

Questa sera ho appuntamento con Martina alle 23:30 davanti a 800 Degrees Pizzeria, per ingannare l’attesa provo ad andare al FreeZone ma è completamente vuoto e ripiego sul Double Down Saloon un piccolo bar dove si stanno esibendo a rotazione un prestigiatore, una spogliarellista, una contorsionista e una ragazza che usa l’hula-hoop.

Ricevo un messaggio da Marlene che mi propone di raggiungerla al Caesar Hotel Casino perché Corina vuole giocare. Se mi muovessi con i mezzi pubblici impiegherei almeno 30 minuti e decido di usare Lyft. Il mio autista è un ex informatico che ha perso tutto a causa di una malattia, non ho capito cosa, che lo affligge. Mi parla di C e C++ e mi chiede quali linguaggi conosco e uso. È stato piacevole parlare con lui, gli ho dato 5 stelle e un ottima recensione.

Ci sediamo ad una slot machine enorme e Corina gioca 15$, pigia per tre volte pulsanti a caso e vinti 20$ ritira il premio. Ci spostiamo al bar per investire la vincita ma siccome uno dei ragazzi ha meno di 21 anni ci chiedono di andare via. Ci spostiamo ad un bar all’aperto e li riusciamo a bere, ci raggiunge Sam.

Intorno alle 23 mi congedo dal gruppo per raggiungere Martina, il luogo dell’appuntamento è ad un miglio di distanza e ci vado a piedi, arrivato ricevo un messaggio in cui si scusa ma è stanca e domani si deve alzare alle 4 ed è andata direttamente in albergo. Torno indietro dubitando di incontrare ancora i ragazzi ma invece sono ancora li. Prendo un secondo Moscow Mule ed entriamo al Casino. Ci sediamo al tavolo della roulette cambiamo i soldi e iniziamo a giocare. Rimaniamo seduti una buona mezzora e alla fine perdiamo tutti i soldi ma è stato divertente e considerando che ti portano da bere a gratis forse è più conveniente che andare al bar dove 2 cocktail mi sono costati 40$.

Usciamo dal Casino in cerca di un Bar ma ci ferma un tizio che ci propone di andare ad locale di strip, accettiamo e una limousine ci viene a prendere.

La macchina era conciata male ma le luci al neon nascondevano il peggio. Nel club ci saranno state una ventina di ragazze che ballavano la pole o si esibivano in spettacoli direttamente in braccio alle persone e queste ricambiavano infilando banconote dove potevano. Ad un certo punto una ballerina si avvicina ad una ragazza di colore e si esibisce per lei, questa è tutta eccitata e il suo ragazzo comincia a far piovere banconote da un dollaro sulla ballerina. Un altra ballerina avvicina me e Marlene e si offre per uno spettacolo privato, chiedo il prezzo e mi risponde 300$, cortesemente declino l’offerta.

Finiti i nostri cocktail decidiamo di andare chiamo la limousine per Corina Marlene e Sam che questa sera dormono in un albergo mentre io prenoto nuovamente un lyft per tornare in ostello dato che la macchina dice di non poter andare a downtown.

29 Luglio – Guano Islands

Posso prendere la bicicletta di Victor e ne approfitto per pedalare intorno alla città. Ne Avevo proprio voglia. Avrei voluto farlo anche a New York ma 50$ per un giorno sono un buon deterrente.

Prima tappa il Lincoln memorial, niente di speciale fatta eccezione per le dimensioni. Ora conosco le dimensioni di Megatron. Non riesco ad apprezzare appieno il monumento soprattutto perché conosco poco la storia americana e il loro orgoglio. Del resto anche il nostro altare delle patria mi dice poco.

Il National Museum of American History è molto interessante, vengo particolarmente colpito dalla storia delle Guano Islands, delle isole Peruviane ricoperte letteralmente di guano per decine di metri che a partire da metà ottocento furono trasformate in cave per lo sfruttamento del guano come concime. Da qui gli americani tirarono fuori il Guano Islands Act per l’annessione di queste isole agli stati uniti e il loro sfruttamento.

Nel pomeriggio mi spostato al National Portrait Gallery che custodisce tra l’altro i ritratti di tutti gli ex presidenti, a me interessa specialmente quello di Kevin Spacey nelle vesti del presidente Frank Underwood, protagonista della serie House of Cards. Quelli di Netflix sono dei geni del marketing.

Avevo promesso a Victor che sarei stato alla Library of Congress ma quando ci arrivo non è più possibile entrare. Era proprio dietro Museum of American History, avrei dovuto andarci nel mattino.

Cucino e ceno insieme a Victor. prepariamo tagliatelle con Gamberi e peperoni. Finalmente un piatto cucinato in casa dopo quasi due settimane.

La sera con Victor andiamo a bere qualche birra e ascoltare buona musica in uno dei tanti locali di Washington.