11 August – Getty Museum and Santa Monica Pier

Today I want to visit on Getty Museum. Getty Museum has been built by Richard Meier who was commissioned by Jean Paul Getty. Getty was an american industrialist and founded the Getty Oil Company.

I go there with two germans guys I met in the hostel, like me they are going around the US for the summer before starting the University.

The museum is for free but you have to pay 15$ for the carpark. I spent an entire day there and I did a guided tour of the several buildings it’s made of.

In the late afternoon we went to Santa Monica to see the famous pier and we discovered there was a free concert on the beach so we decided to assist.

We soon discovered that was not possible to buy any alcohol on the beach and also at one of the many bars around so we decided to go away and have a beer before going back to the hostel.

10 August – Wallmart Big 5 and Korean bell of peace

Los Angeles is a very big city and if you want to move around a car is the only alternative, they have a wide public transportation service but it requires you a lot time and you have to change several buses/metros. To go to the car rental I have taken one bus, 2 metro lines and an airport shuttle and it took me at least one hour and an half.

When I arrive to the car rental office I can’t believe there’re approximately one hundred people in line before me. I took me 2 hours to get my new car.

Now I’m a true american, I have a big car and the first thing I do is taking a motorway and going to Wallmart. I have to buy some food and some stuff for the Burningman. As usual I don’t carry my kart around the aisles but I leave it in one spot and then move around looking for what I need. I have discovered that this is not possible in the US. If you do it then your kart and all is content is lost and you have to find a new one and start again. This shop has poor options for camping stuff, one of the shop assistant suggests me to shop online and ask for an in shop delivery in 24 hours or to go to Big 5 a sport equipment shop.

At big 5 I find most of the thinks I need and I buy a tent, a cooking kit and four five gallons  flexible water tanks.

I arrive at the hostel at dusk and It’s incredible, the HI Los Angeles South Bay Hostel is made of 4 old military barracks on a hill in front of the ocean. A park guards a temple with a bell, they call it Korean bell of peace, since it was a Korean gift to the US to celebrate the bicentennial of the U.S. independence, honor veterans of the Korean War, and to consolidate traditional friendship between the two countries.

9 August – new hair cut, lunch with Giulia and her friends, walk of fame

Pete has to go out at 10 am and he offers me a lift to Beverly Hills. I accept and we go to his car, he asks for my plans and I tell him that I have to go to Echo Park for lunch. Echo park is at least 1:30 by bus from Beverly Hills so he suggests to go directly there. I have breakfast at Bread Lounge where you can taste very good Pain au chocolat and a cappuccino for just 5$ and then I walk back to downtown.

I need to cut my hairs and beard after 3 weeks far from home and I start to look for a barber shop. I found a very small one, it’s called St Vincent Barber Shop and with my new haircut I go by bus to Echo park.

I have an appointment with Giulia and her friends. We meet at Sage Vegan Bestrot a vegetarian restaurant and finally after three weeks I eat something healthy and genuine.

Giulia is Miriam sister’s and Miriam is an ex colleague of mine. Giulia is a photographer and she is spending a couple of months in Los Angeles to help her friends to open a clothing shop.

After lunch I have a walk with Giulia around Echo park and we speak about our experience in the US. I say goodbye to Giulia and I go to a coffee. I try to find a place to stay for one more night since tomorrow I have to leave Pete’s home and I haven’t seen Los Angeles at all. I decide to rent a car and since now I have a car I book a HI Los Angeles South Bay Hostel that is not impossible to reach without because is on top of a hill and there’s no public transportation there.

Before going home I go to the walk of fame to see the famous stars on the sidewalk. I see Kevin Spacey’s one next to Donald Trump’s and I hope it’s only political fiction. For those who don’t understand Kevin Spacey is president Frank Underwood in House of Cards and Donald Trump is the Republican candidate for the next elections. Both are negative characters but unfortunately one could be the real next US president.

I had a burrito with cabeza for dinner and a couple of beers at Tony’s Saloon.

8 August – my spanish bus

I wake up very early since in the room there are no curtains, I prepare my own pancakes with peanut butter and maple syrup and some sandwich for the travel. I take a shower, pack my stuff and do checkout.

My bus to Los Angeles is at 12:30 pm but I need at least one hour and an half to reach the station. Since the bus 208 is not coming I decide to walk to Downtown where I have to change for bus 105 but with the backpack I’m to slow and I miss the bus. Hopefully there’s another in 5 minutes.

On the 105 I meet a black fat woman almost fifty and we start to talk. She is officially mad and for this she gets some money from the state and she doesn’t work, she is in Vegas because she gable a lot and one hotel casino offered the room for free. She asks me where I’m from and I tell her about my travel across US and America by backpack. She bless me and says she will do the same one day.

When I reach the station there are only a few people and I wait for the bus is an old and decadent cafeteria. Everything is written ins spanish and also the employees speak mainly spanish.

The bus driver is spanish, most of the people on the bus speak spanish, also the movies they show are in spanish. I take of my kindle and start to read Pablo Neruda biography in Spanish (Confieso que he vivido).

I arrive at Los Angeles at 6:30 pm and I decide to walk to my host’s house. Downtown streets are settled by homeless people, I have seen hundreds of them, withes, blacks, olds, young, mad and drunkard. They lives in tends directly on the streets and use karts to carry their things. I meet a young volunteer that gives phones, phones numbers and data plans for free. It’s a US campaign to offer and opportunity to homeless, phones are important today and can be useful for many services including health and job opportunities.

I reach the art district where Pete, my host, lives, but it’ early and he is teaching a yoga class. I wait for him in a very trendy restaurant, the waiting list for a table or to sits at the bar is at least one hour. I ask if it’s possible to have a beer and stay in the front garden and they agree.

At 9 pm Pete is at home and we meet. He lives in an old factory now transformed in artist’s studios and private flats. His flat is a big room of approximately 80 square meters, it’s only a big room but he put some panels to create his bedroom and a big wardrobe rack for his roommate. Unfortunately he is sick so he goes to sleep. I go outside to find something to eat. Pete recommends to try some tacos from a truck not far from his place. Since Pete is american and lives in Los Angeles not far means 10 minutes by car. I don’t have a car so it takes me 30 minutes to reach that place but at least tacos where very good and I saw the famous Sixth Street Viaduct where several movies where taken, for example Grease and Terminator.

Before going back I stop to a bar for one more beer and I discover that there is a gentlemen’s club just behind Pete Home. I’m tired and a strip club a week is enough at least for me so I decide to go back home.

I sleep on the sofa and it’s quite comfortable.

7 Agosoto – Gambling at Caesar and gentleman club

È domenica e ho voglia di riposare e sbrigare alcune faccende amministrative, chiudo anche un accordo per affittare la casa di Milano fino al 31 Dicembre. Non ho più scuse ora devo continuare a viaggiare almeno fino a quella data. Ho affittato casa ad una coppia turca che sta frequentando un master in architettura al Politecnico di Milano. Passo il resto della giornata in piscina a prendere il sole, dormire e chiacchierare con Marlene e Corina.

Questa sera ho appuntamento con Martina alle 23:30 davanti a 800 Degrees Pizzeria, per ingannare l’attesa provo ad andare al FreeZone ma è completamente vuoto e ripiego sul Double Down Saloon un piccolo bar dove si stanno esibendo a rotazione un prestigiatore, una spogliarellista, una contorsionista e una ragazza che usa l’hula-hoop.

Ricevo un messaggio da Marlene che mi propone di raggiungerla al Caesar Hotel Casino perché Corina vuole giocare. Se mi muovessi con i mezzi pubblici impiegherei almeno 30 minuti e decido di usare Lyft. Il mio autista è un ex informatico che ha perso tutto a causa di una malattia, non ho capito cosa, che lo affligge. Mi parla di C e C++ e mi chiede quali linguaggi conosco e uso. È stato piacevole parlare con lui, gli ho dato 5 stelle e un ottima recensione.

Ci sediamo ad una slot machine enorme e Corina gioca 15$, pigia per tre volte pulsanti a caso e vinti 20$ ritira il premio. Ci spostiamo al bar per investire la vincita ma siccome uno dei ragazzi ha meno di 21 anni ci chiedono di andare via. Ci spostiamo ad un bar all’aperto e li riusciamo a bere, ci raggiunge Sam.

Intorno alle 23 mi congedo dal gruppo per raggiungere Martina, il luogo dell’appuntamento è ad un miglio di distanza e ci vado a piedi, arrivato ricevo un messaggio in cui si scusa ma è stanca e domani si deve alzare alle 4 ed è andata direttamente in albergo. Torno indietro dubitando di incontrare ancora i ragazzi ma invece sono ancora li. Prendo un secondo Moscow Mule ed entriamo al Casino. Ci sediamo al tavolo della roulette cambiamo i soldi e iniziamo a giocare. Rimaniamo seduti una buona mezzora e alla fine perdiamo tutti i soldi ma è stato divertente e considerando che ti portano da bere a gratis forse è più conveniente che andare al bar dove 2 cocktail mi sono costati 40$.

Usciamo dal Casino in cerca di un Bar ma ci ferma un tizio che ci propone di andare ad locale di strip, accettiamo e una limousine ci viene a prendere.

La macchina era conciata male ma le luci al neon nascondevano il peggio. Nel club ci saranno state una ventina di ragazze che ballavano la pole o si esibivano in spettacoli direttamente in braccio alle persone e queste ricambiavano infilando banconote dove potevano. Ad un certo punto una ballerina si avvicina ad una ragazza di colore e si esibisce per lei, questa è tutta eccitata e il suo ragazzo comincia a far piovere banconote da un dollaro sulla ballerina. Un altra ballerina avvicina me e Marlene e si offre per uno spettacolo privato, chiedo il prezzo e mi risponde 300$, cortesemente declino l’offerta.

Finiti i nostri cocktail decidiamo di andare chiamo la limousine per Corina Marlene e Sam che questa sera dormono in un albergo mentre io prenoto nuovamente un lyft per tornare in ostello dato che la macchina dice di non poter andare a downtown.

6 Agosto – Grand Canyon

Oggi sveglia alle 5:30 per andare a visitare il Grand Canyon ma vengo svegliato alle 5 da un ragazzo napoletano e da sua moglie brasiliana completamente ubriachi. Il ragazzo dorme sul letto superiore di un letto a castello e non c’è scaletta, io uso la struttura del letto per salire lui decide di saltare ma non ci riesce e casca in terra. Decido di alzarmi. Benjami mi aspetta in cucina e fa colazione, riesco a recuperare della frutta e arriva il nostro autista per il pick up. Recuperate una 20 di persone veniamo portati in un capannone dove un imbonitore stile Tom Cruise in magnolia cerca di venderci servizi extra. Da li passiamo in una stanza di smistamento dove si può fare colazione durante l’attesa. Mi rendo conto sempre più di quanto siano organizzati gli americani e quanta cura mettano in ogni aspetto del business qualunque esso sia.

Intorno le 7:30 partiamo e ne approfitto per recuperare sonno. La prima sosta è la diga Hoover.

La seconda sosta è a un Mc Donald giusto perché è metà mattina e gli americani devono mangiare.

Arrivati al parco ci fermiamo a pranzare e scoppia un temporale. Sono pessimista sulla possibilità di vedere il Grand Canyon ma la nostra guida/autista Lorena dice di essere fiduciosi. Aspettiamo in bus circa 20 minuti dopodiché ci porta al primo punto panoramico. La pioggia è battente e fa freddo ma percorro ugualmente un sentiero. Li incontro Martina, una ragazza di Bergamo che lavorava KPMG e proseguiamo assieme. La pioggia scema e il paesaggio è mozzafiato. Il Grand Canyon è immenso e profondo mi viene voglia di passarci qualche giorno, il secondo punto è ancora più bello anche perché il tempo migliora. Mi accorgo che è tardi e rischiamo di perdere il bus ma non ricordiamo dove si sia fermato e impieghiamo un po’ a trovarlo. Una volta trovato scherzo con Lorena e scopro che quasi tutti si sono persi, a quanto parte è normale.

Risaliamo sul bus e si parte ci aspettano 4 ore di viaggio. Arrivati in città non capiamo di dovere scendere all’ Excalibur Hotel and Casino per prendere il minibus e perdiamo la fermata. Ci toccherà prendere i mezzi pubblici per tornare in ostello. Arrivati Benjami va a letto io salgo in camera mi do una sistemata e vado verso Downtown per bere una birra. Finisco all’ Inspire News Cafe dove quasi tutte le ragazze ballano il twerking ovvero agitano il culo quasi sempre di fronte ad un ragazzo.

5 Agosto – Gold & Silver Pawn Shop and Zumanity

Mi sveglio e vado nella lobby per fare colazione ma il preparato per i pancake è finito lo faccio presente alla reception e mi rispondono che non ne prepareranno altri. Non ho altro cibo pertanto mi preparo una tazza di caffè e mi metto a chiacchierare con un gruppo di ragazzi. Pare ci sia una festa in piscina ma preferisco fare altro. Conosco Benjami, un ragazzo di Barcellona che insegna ginnastica alle elementari e si trova negli USA per un corso di inglese. Ha una macchina e assieme decidiamo di andare a vedere Gold & Silver Pawn Shop, quello del programma TV. Il negozio è piccolo e ormai vende gadget del programma ma si riescono ancora a trovare cose bizzarre. I protagonisti dello show non sono presenti pertanto facciamo qualche foto e andiamo a cercare i biglietti per Zumanity. Riusciamo a trovarli davanti la MGM per 69$ per lo spettacolo delle 21:30. Ci fermiamo in un supermercato e poi pranziamo in ostello. Passo il pomeriggio in piscina con Susana, Tal e Marlene. Marlene mi propone di aggregarmi al tour Yosemite Park & Napa Valley e provo a prenotare ma è troppo tardi. Ci diamo appuntamento a New York New York per la sera dopo lo spettacolo e ci salutiamo.

Zumanity è uno spettacolo del Cirque Du Soleil per adulti a sfondo sessuale. È geniale, mi ha colpito particolarmente la performance delle contorsioniste asiatiche in una piscina sospesa e trasparente.

Non riusciamo ad incontrare gli altri pertanto facciamo un salto alla Stratosphere Tower e da li torniamo in ostello.

La guida di Benjami è a dir poco folle, in una giornata è riuscito a partire al semaforo in retromarcia, prendere un paio di rossi e percorrere 200 metri contromano in piena Las Vegas Bulevard.

4 Agosto – Las Vegas Nevada

Sono le 7 del mattino e finalmente riesco ad arrivare a Las Vegas in Nevada. Il bus Amtrak mi lascia in aeroporto e da li mi dirigo verso l’ostello. Attraversare Las Vegas tra le sette e le otto del mattino è un esperienza. È forse il momento in cui la città si assopisce per qualche istante, i negozi sono chiusi, le insegne spente, gli ultimi nottambuli si dirigono in albergo e chi inizia il turno del mattino si dirige al lavoro. Alla reception mi accoglie una ragazza molto gentile che mi fa fare check-in ed entrare in stanza. Vorrei dormire ma non ci riesco così scendo nella lobby, preparo il mio primo pancake, bevo un caffè e torno in centro perché alle 10 inizia il tour a piedi della città.

Sul bus incontro un ragazzo svedese che si aggrega al tour, il bus è molto lento e temiamo di perdere il tour. L’appuntamento sarebbe alle 10 davanti al Mirage e noi arriviamo alle 10:10 per fortuna il tour non è partito anzi siamo solo in 2 a farlo molto probabilmente a causa del tempo incerto.

La nostra guida è in gamba, ci illustra la storia della città e ci da diverse dritte, ad esempio ho scoperto che downtown è Las Vegas mentre dove si trovano tutti i casino più famosi si chiama Paradise e il motivo è molto semplice: il costo delle licenze.

Finita la visita saluto la guida dandogli 10$ di mancia e vado a mangiare da 800 degrees pizzeria dove se dimostri di seguirli su Instagram puoi mangiare la pizza del giorno per soli 5$.

Torno in ostello e riposo fino alle 8 poi torno a Paradise per vedere la città di Notte. Salgo al piano 109 della Stratosphere tower da cui si ammira tutta la città e bevo una birra al piano 13 del Mandarin Oriental. Rimango in giro fino alle 3 catturato dalle luci e dalle persone dopodiché vado a dormire.

2 – 4 Agosto – Going to Las Vegas

Alle 15 ho il treno per Las Vegas e devo fare check out in ostello, non ho molto tempo pertanto decido di passare la mattinata in spiaggia. Vado a Montrose Beach. Il lago Michigan è enorme e tra i cinque più grandi al mondo per intenderci è più grande del mar adriatico.

Faccio un bagno e poi mi addormento prendendo il sole. Alle 12:30 mi sveglio, vado a recuperare lo zaino e mi dirigo verso Union Station.

In camera avevo notato delle sedie da campeggio, ho chiesto alla reception e pare siano li da diverso tempo, chiedo se posso prenderne una e mmi rispondono positivamente. Adesso ho una sedia, una cosa in meno da recuperare a San Francisco prima di andare al Burningman.

Il treno che mi porterà a Las Vegas è enorme, su due piani, ha un vagone ristorante, uno panoramico e un bar. Anche qui lo spazio tra due sedili è eccessivo ma i sedili non sono molto comodi.

Dopo pochi minuti dalla partenza parlando col mio vicino, un insegnante in una base Nato in Giappone , vengo a sapere che il treno non passerà da Las Vegas Nevada ma da Las Vegas New Mexico, una cittadina microscopica. Divertito dalla notizia cerco di capire che posto sia la mia nuova destinazione ma poi decido di provare a raggiungere la mia meta originale. Parlo con il servizio clienti Amtrak e direttamente al telefono modificano la mia prenotazione e mi trovano un alternativa. Mi costerà soltanto 120$ e 15 ore in più.

Speravo che ci fosse il WiFi sul treno per sbrigare alcune faccende ma il servizio non è disponibile nella mia carrozza e anche la ricezione mobile è praticamente assente. Avrei dovuto prendere Verizon.

Passerò in treno almeno 33 ore più 3 ore in bus e l’esperienza si sta rivelando interessante, le persone hanno voglia di chiacchierare e passare il tempo in compagnia. Ho pure imparato a giocare BS.

A Bull shit tutte e 54 le carte vengono distribuite tra i giocatori, ad ogni turno un giocatore deve buttare coperte da 1 a 4 carte dichiarandone il valore (ad esempio 2 3 o 1 5) in maniera crescente. Se non hai la carta del tuo turno o dichiari skip e raccogli tutte le carte sul tavolo eccetto il primo asso e bluffi e butti delle carte a caso. In qualsiasi momento ti possono dire BS e la tua giocata viene scoperta, se hai bluffato devi raccogliere tutte le carte in terra se hai detto la verità le raccoglie chi ha dichiarato BS.

Le partite posso durare a lungo ma tutto sommato il gioco è abbastanza divertente.

Ad un certo punto una coppia di americani mi invita ad unirmi al loro tavolo, sono una famiglia intera e stanno accompagnando la maggiore di 3 vigli al college. È il compleanno del padre e per festeggiare hanno comprato una bottiglia di vino. Cominciamo a bere e ben presto si uniscono altre persone. Per ricambiare l’ospitalità scendo al bar e compro anche io una bottiglia o meglio 4 perché hanno solo quelle da un quarto di litro, risalgo e ricominciamo a bere. Chiedo cosa pensano del baseball e dico di aver appena assistito alla mia prima partita. A sentire parlare di Baseball si unisce a noi anche un signore Amish che viaggia con la moglie e i due figli ed è un appassionato di baseball. Wikipedia dice che “Gli Amish vivono come contadini e artigiani in campagne che tengono gelosamente libere dalle intrusioni della civilizzazione che possano intaccare i loro princìpi guida” e non bevono alcool ma lo sport come noto romper le barriere e offro del vino al signore che lo assaggia e poi lo fa assaggiare anche alla moglie.

Finite le chiacchiere mi metto a giocare con i due bambini e presto scopro che il più piccolo non mi capisce perché parla soltanto Amish, una sorta di dialetto olandese. Provo ad insegnare loro alcuni nodi e passiamo assieme una piacevole mezz’ora.

Intorno alle 4 vengo svegliato perché ci stiamo avvicinando alla mia fermata. Finalmente! Mi mancano solo 3 ore di bus.

1 Agosto – Hey Cubs

Faccio colazione con una ragazza inglese e Stephane e li convinco a venire a vedere la partita anche loro questa sera.

Vado a vedere l’ Art Institute of Chicago, speravo che come a New York fosse valido il “pay as you wish” ma niente da fare, mi tocca pagare 25$. Sono stati soldi spesi bene, ho potuto ammirare decine di opere, mi devo ricredere alcuni musei sono veramente ricchi.

Ho appetito e decido di prova la famosa deep dish pizza, sostanzialmente una pizza fritta in un tegame, prendo la variante con formaggio e salsiccia, devo ammettere che era molto buona.

Torno in ostello, riposo una mezz’ora e poi vado allo stadio. Il Baseball è uno sport di cui so veramente poco, riesco a farmi spiegare le basi da un ragazzo che siede di fianco a me e scopro che la partita durerà almeno 3 ore. Il gioco è abbastanza noioso da vedere dal vivo, quello che lo rende interessante sono le quarantamila persone che hai intorno che continuano a parlare mangiare e bere. È un continuo alzarsi per far passare persone, sei circondato da venditori ambulanti che urlano “Hey CUBS”. Decido di provare un Chicago hot dog e una birra per la modica cifra di 16$. Il Chicago hot dog è veramente buono, pane, salsiccia, cipolle, cetrioli sottaceto a pezzetti, peperoncini verdi sottaceto, pomodoro a fette, senape e pepe. Mi raccomando niente KETCHUP.

A fine del primo HINNING mi raggiunge Stephane e vediamo la partita assieme. I Cubs batteranno i Miami Marlins per 5 a 0.

Dopo la partita andiamo a bere una birra ma saltiamo di locale in locale e alla fine torniamo in ostello praticamente ubriachi.